Da Streetlib ex Narcissus

http://goo.gl/224tfv

Il Pierpo ha autopubblicato con Narcissus l’ebook diversi ebook, tra cui (le)Realtà Parallele. L’articolo che segue è stato scritto liberamente dall’autore per testimoniare la sua esperienza da selfpublisher e l’incontro con Narcissus.
Grazie per il tuo contributo, Il Pierpo!

Il PierpoMi ritengo una persona normale che ha avuto la fortuna di conoscere due persone eccezionali, i protagonisti dei primi 4 libri che ho pubblicato con Narcissus. Fino a quel momento, non avevo mai sentito il bisogno di cimentarmi nella scrittura. Conoscere la loro storia, ha fatto scattare qualcosa in me.

Inizialmente è stata una sorta di provocazione. Via via, mi sono sempre più convinto che la loro storia, e i tanti risvolti sociali in essa contenuti, potesse essere d’aiuto a qualcuno. Ho pensato ai tanti adolescenti che non hanno il coraggio di rivelare e vivere serenamente, la propria omosessualità (al punto da spingerli a gesti estremi) o ai tanti padri che non accettano di avere un figlio gay. Per finire con le tante persone che non hanno il coraggio di vivere i propri sentimenti.

Al motto… se i libri serviranno a far cambiare idea a un solo genitore o a far trovare il coraggio a un solo figlio, ne sarà valsa la pena… mi sono definitivamente convinto!

Una sera a cena decisi di compiere “il grande passo”. Ne parlai con loro e ne furono entusiasti. Mi chiesero solo di scriverlo in maniera semplice e comprensibile.

Una chicca: i libri sono stati interamente scritti con un tablet (la sera riversavo su PC per correggere).

Terminati i primi dieci capitoli però, mi fermai. Cominciai a chiedermi: come pubblicarlo? Quale casa editrice avrebbe avuto il coraggio di farlo? Pensai all’autopubblicazione. Ma non potevo certo chiedere i soldi a loro. Né potevo investirli io. Mi venne incontro un articolo sulla possibilità di autopubblicare in ebook e con il print on demand.

Dopo un’attenta ricerca, sono arrivato a scegliere Narcissus, nella jungla di offerte presenti nel web.

La stesura è filata liscia, anche se non è stato facile. Mi sono dovuto basare sui racconti che mano mano mi raccontavano i protagonisti, elaborando la storia in maniera reale, immedesimandomi in essi. È stato un flusso continuo e ininterrotto, dall’inizio alla fine, come se loro fossero alle mie spalle e dettassero. Solo in fase di correzione finale, mi sono soffermato a valutare eventuali aggiustamenti, ma alla fine tornavo a ciò che avevo scritto in precedenza.

Volendo e dovendo offrire un buon prodotto, ho pensato di rivolgermi a un servizio di editing professionale. Bene. Quando mi hanno consegnato il lavoro finito, ho dovuto praticamente ricorreggere tutto! Non so in quanti punti, non capendo il senso di ciò che avevo scritto, avevano stravolto completamente il testo, alterando totalmente il significato di intere parti del libro!

Passata la delusione, ricorretto il tutto, armatomi degli strumenti necessari, mi sono rimboccato le maniche. E anche se completamente ignorante in materia, mi sono trasformato in DIY (Do It Yourself).

Un word processor, Calibre, Sigil, Paint shop, macchina fotografica e via! Provando, sbagliando, correggendo e riprovando, ho partorito il mio primo ebook.

Ho quindi aperto un sito http://ilpierpo.it e anche qui ho fatto tutto da solo, creandolo da zero.

Ma questo non mi bastava, quindi ho deciso di spingermi oltre e creare il mio primo booktrailer. Semplice… foto musica e testo, comunque accettabile. Non è stato semplice, ma oggi credo di essere arrivato a un livello decente, se penso che in giro c’è tanta approssimazione, anche da parte di autori famosi!

I risultati di vendita – tenuto conto di vari fattori: il tema dei libri è ancora una sorta di tabù… scritto da un esordiente… sotto pseudonimo… senza pubblicizzarlo se non qualche giorno con Ad Words e i classici canali social (ma senza impegno)… – non mi arricchiranno, ma mi hanno commosso e reso orgoglioso di aver scritto questa storia, sapendo di essere stato utile ad almeno due padri che mi hanno ringraziato.

Oltretutto credo di essere stato il primo “sconosciuto” a trovare i propri titoli nei siti di P2P!

Lascia un commento